Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

L’AGCM condanna Tripadvisor per le false recensioni
Lunedì, 22 Dicembre 2014 18:04

L’AGCM condanna Tripadvisor per le false recensioni

di Elisabetta Mina

Con decisione dello scorso 19 dicembre l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha condannato il portale web TripAdvisor al pagamento di una sanzione amministrativa di 500mila euro, riconoscendo come scorretta la condotta consistente nella diffusione su tale portale di informazioni ingannevoli sulla provenienza e autenticità delle recensioni pubblicate, in violazione degli articoli 20, 21 e 22 del Codice del Consumo.

TripAdvisor infatti pubblicizza la propria attività mediante claim che pongono l’accento proprio sul carattere autentico e genuino delle recensioni pubblicate – quali  “Su TripAdvisor puoi trovare tante recensioni vere e autentiche, di cui ti puoi fidare”. L’istruttoria ha invece accertato che sono presenti sul portale recensioni palesemente inveritiere (a titolo di esempio, riguardanti strutture alberghiere già da tempo chiuse) e che le misure adottate non sono idonee a garantire né la provenienza né la veridicità dei contributi degli utenti, quali, ad esempio, l’attivazione di procedure di verifica al momento della registrazione, volte ad accertare l’identità dei nuovi viaggiatori della community.

L’utilizzo dei suddetti claim induce al contrario in errore i consumatori sull’affidabilità delle recensioni pubblicate sul sito, in quanto gli stessi, diversamente da quanto sostenuto da TripAdvisor, non sono tutti “implicitamente consapevoli del fenomeno delle false recensioni e sufficientemente esperti per riconoscerle” e pertanto non sono tutti in grado di orientare le proprie scelte di consumo correttamente dinanzi ad un quadro informativo alterato. La diffusione della pratica commerciale a mezzo internet, inoltre, rafforza il carattere decettivo delle affermazioni poiché “le stesse sono suscettibili di investire una vastissima platea di consumatori”.

Non è la prima volta che i claim utilizzati da TripAdvisor vengono ritenuti ingannevoli ed infatti, già nel 2012 l’Advertising Standards Authority britannica aveva imposto alla società di eliminare dallo stesso qualsiasi riferimento al fatto che le recensioni ivi contenute fossero rilasciate da “veri” viaggiatori e quindi oneste, reali ed attendibili.

L’Antitrust riconosce quindi, con la presente decisione, la necessità che la comunicazione online risponda alle medesime regole di veridicità e correttezza che trovano applicazione per la pubblicità offline, in particolare quando si afferma l’autenticità delle testimonianze e recensioni degli utenti. 

elisabetta.mina@milalegal.com