Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

Un “Oh” di sollievo per il rapper Jay-Z, per il giudice US il campionamento del brano “Hook & Sling” non è plagio
Giovedì, 26 Febbraio 2015 10:30

Un “Oh” di sollievo per il rapper Jay-Z, per il giudice US il campionamento del brano “Hook & Sling” non è plagio

di Letizia Nuvoli

Il campionamento di registrazioni musicali ed il loro utilizzo all’interno di nuove registrazioni musicali è una modalità creativa molto diffusa ed ha dato origine a un elevato numero di contenziosi in particolare negli Stati Uniti all’esito dei quali, per il campionamento non autorizzato, sono stati riconosciuti ingenti risarcimenti in favore degli aventi diritto sul brano campionato.

Di recente è stata emessa una sentenza (TufAmerica Inc v. WB Musica Corp. 13-cv-7847 - giudice Lewis A. Kaplan) in un caso che ha visto come protagonista il celebre rapper e produttore discografico Jay-Z, il quale ha utilizzato il campionamento della sillaba "oh" nella sua registrazione del brano intitolato “Run This Town”.

Il giudizio è stato introdotto da TufAmerica, titolare di diritti sul brano “Hook & Sling” e contenente la parola "oh", la quale ha sostenuto che in “Run This Town” sarebbe stato utilizzato il campione della parola “oh” tratto da detto brano, parola da considerarsi sufficientemente originale per essere tutelabile, senza averne ottenuto la necessaria licenza.

Il giudice Kaplan ha verificato che le melodie e i testi dei due brani sono completamente diversi e che il testo di “Run this town” non contiene la parola "oh", la quale appare, seppure per ben 42 volte, solo in background e in modo tale da essere udibile e foneticamente intelligibile solo per l'ascoltatore più attento e capace. Il giudice Kaplan ha quindi ritenuto che i due brani non hanno alcuna somiglianza sostanziale tra di loro e che inoltre la parola "oh" non ha alcun significato quantitativo all’interno del brano “Hook & Sling” costituendo solo una frazione di secondo della registrazione che avrebbe potuto essere sostituita senza alterare l’essenza del brano.

Il giudice Kaplan ha infine sancito che trattandosi di utilizzo di una frazione minima del brano originario, tale campionamento non costituisca violazione perseguibile.

Questa sentenza supera il precedente orientamento delle corti americane secondo cui il campionamento non autorizzato di una registrazione sonora costituiva violazione di per sé e si è invece concentrata sull’aspetto sia quantitativo sia qualitativo dell’ipotetica violazione e costituisce inoltre un forte segnale contro società come TufAmerica che sono considerate come veri e propri “sample troll” in quanto acquisiscono le registrazioni per poi cercare artisti famosi a cui  fare causa, nel caso in cui essi facciano utilizzo di campioni delle stesse. La stessa TufAmerica, infatti, aveva già fatto causa a Kanye West per aver campionato il medesimo brano.

In Italia non risultano precedenti specifici in casi di campionamento, la giurisprudenza delle corti US potrebbe pertanto essere un buon punto di riferimento.