Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

RTL condannata a pagare a SCF i compensi spettanti ai produttori discografici per l’utilizzazione dei fonogrammi nel proprio palinsesto
Giovedì, 02 Aprile 2015 10:56

RTL condannata a pagare a SCF i compensi spettanti ai produttori discografici per l’utilizzazione dei fonogrammi nel proprio palinsesto

di Letizia Nuvoli 

Con sentenza definitiva n. 3930 del 26 marzo 2015, RTL 102,500 HIT RADIO S.r.l. (“RTL”) è stata condannata a pagare a SCF Consorzio Fonografici (“SCF”), consorzio che tuttora amministra circa il 95% del repertorio discografico italiano, la somma di 1.414.644,98 Euro, a titolo di compensi ai sensi dell’art. 73 LDA per il periodo compreso tra agosto 2009 e dicembre 2012.

Tale sentenza segue la decisione parziale del medesimo Tribunale n. 9164 del 2 agosto 2012, pronunciata nel giudizio introdotto da SCF, che ha accolto le domande del consorzio, riconoscendo che alle emittenti radiofoniche non fossero più applicabili eventuali sconti previsti da convenzioni negoziate con preesistenti associazioni di categoria, poi sostituite da SCF, e ormai scadute, in base alle quali le emittenti corrispondevano a SCF importi inferiori a quanto previsto dall’art. 1 del DPCM 1.9.1975 – cioè il 2%, da calcolarsi sugli effettivi tempi di utilizzo dei fonogrammi nel complessivo palinsesto di ciascuna emittente il compenso – e non  più sul 50% del reddito lordo dell’emittente, come stabilito nelle (scadute) convenzioni.

La sentenza definitiva del Tribunale di Milano ha accolto le conclusioni in merito al danno da risarcire resa dalla consulenza tecnica d’ufficio, che ha quantificato l’effettivo ammontare del c.d. tempo/musica rispetto al resto dei contenuti delle trasmissioni di RTL (esclusi dall’applicazione dell’art. 73 LDA), procedendo ad isolare la sola effettiva quantità di brani musicali trasmessi rispetto all’intero contenuto di ciascuna trasmissione radiofonica, escludendo tutto il parlato, i jingle, oltre ai brani musicali non appartenenti al repertorio gestito da SCF.  Il consulente tecnico ha quindi individuato la base imponibile per il calcolo del 2% a favore di SCF, rapportando il tempo/musica agli introiti dell’emittente derivanti dalla pubblicità.  

Il Tribunale si è dichiarato consapevole della difficoltà di procedere ad una separazione netta tra introiti pubblicitari connessi direttamente alla diffusione di musica e quelli connessi a contenuti diversi diffusi dall’emittente e del fatto che anche le trasmissioni aventi contenuti specifici includono solitamente la trasmissione di brani musicali (inseriti nel parlato della trasmissione, tanto da farla diventare un prodotto complesso). Tale circostanza, a parere del Tribunale, è stata comunque correttamente valutata dal consulente tecnico d’ufficio in sede di determinazione del tempo/musica.

Entrambe le sentenze emesse nel corso del giudizio tra SCF e RTL ribadiscono quindi l’effettivo tempo di utilizzo del fonogramma quale criterio per la quantificazione base di calcolo ai fini dell’art. 73 LDA, fornendo così anche alle emittenti un criterio sul quale fare affidamento.