Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

E’ plagio o contraffazione una scultura che presenta i “tratti essenziali” delle opere di un artista?
Giovedì, 20 Luglio 2017 13:34

E’ plagio o contraffazione una scultura che presenta i “tratti essenziali” delle opere di un artista?

di Gilberto Cavagna

Il Tribunale di Milano, Sezione specializzata in materia d’Impresa, si è recentemente pronunciato sulle rivendicazioni avanzate da un noto scultore, Giacomo Sparasci (Lecce, 23 ottobre 1956), che lamentava come la realizzazione e l’istallazione di una scultura nel Comune di Casorezzo (MI) costituisse violazione dei propri diritti morali e patrimoniali d’autore.

L’artista si era rivolto al Tribunale esponendo come la società specializzata nel trattamento di un particolare tipo di acciaio a cui si rivolgeva da anni per la realizzazione delle proprie sulture gli avesse proposto la realizzazione di un’opera ispirata a una sua opera precedente (dal titolo “Memoria dell’acqua”) per una delle rotatorie del comune di Casorezzo. L’artista, il cui lavoro si era interrotto dopo aver realizzato e consegnato alla società i primi bozzetti e disegni per tale scultura, aveva scoperto che una copia integrale dell’opera era stata tuttavia realizzata dalla stessa sulla base dei suoi disegni e posta in uno slargo del Comune. La convenuta affermava invece che la scultura era stata progettata da un suo dipendente e realizzata “senza alcun apporto da parte del sig. Sparasci” e che, in ogni caso, fosse nuova e originale e non paragonabile all’arte dello Sparasci.

All’esito del giudizio di primo grado, il Tribunale ha riconosciute fondate le pretese dello scultore, rilevando come il “sig. Sparasci possa essere considerato a pieno titolo un “artista”, le cui opere sono connotate da un linguaggio formale che mostra “elementi compositivi ricorrenti, che fanno dell’insieme delle opere dell’artista un complesso ben individuabile e assolutamente originale nel panorama della scultura contemporanea” e ha accertato come l’opera contestata “costituisca un plagio delle opere dell’attore, presentando quella medesima individualità rappresentativa che connota il repertorio dell’artista”.

Nel condannare la convenuta e il Comune di Casorezzo, il Tribunale ha colto l’occasione per ribadire e precisare la differenza tra “plagio e “contraffazione”, definendo “contraffazione” ogni sfruttamento illecito del diritto patrimoniale dell’autore (ma non anche del diritto di paternità dell’opera), e “plagio”, la  violazione del solo diritto morale di paternità dell’opera. La corte ha rilevato come sia frequente utilizzare anche il solo termine plagio per indicare un fenomeno più ampio della contraffazione (siccome implicante l’appropriazione della paternità dell’opera), che tuttavia nella maggior parte dei casi lo presuppone ma non lo configura, e ha evidenziato come anche alla luce della giurisprudenza “In definitiva, ciò che rileva ai fini della configurabilità di una condotta di plagio-contraffazione è che nell’opera plagiante siano riconoscibili i medesimi “tratti essenziali” dell’opera plagiata, che compongono quella “individualità rappresentativa” che rende riconoscibile lo stile di quello specifico artista nel panorama in cui opera”.

Il Tribunale ha condannato le convenute a rimuovere e distruggere la scultura, restituire a Giacomo Sparasci i propri disegni e bozzetti ancora detenuti dalla società, e a rifondere allo scultore il danno morale patito per tale plagio, oltre alla pubblicazione del dispositivo sulla stampa locale. Non ha invece ritenuto sussistente un danno economico, in quanto la società ha realizzato il manufatto senza ricevere alcun corrispettivo e anche il Comune non avrebbe potuto sostenere alcuno esborso per la realizzazione di tale opera, cosicché non sussisterebbe alcun pregiudizio per mancato guadagno in capo all’artista.

Si tenga presente che non sono ancora scaduti i termini per l’appello e la decisione di primo grado potrebbe essere modificata all’esito del giudizio di secondo grado.

gilberto.cavagna@milalegal.com