Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

Continua la saga dei cuscini-biscotto: Barilla vince ancora
Venerdì, 02 Febbraio 2018 14:20

Continua la saga dei cuscini-biscotto: Barilla vince ancora

di Simona Franco

Con sentenza, pubblicata il 25 gennaio 2018, il Tribunale di Milano è tornato a pronunciarsi sui marchi e sulle forme dei biscotti Barilla. La questione era stata già stata oggetto di precedenti pronunce del Tribunale, emesse in sede cautelare e di reclamo, tutte favorevoli a Barilla e commentate nel nostro IP Focus del 5 ottobre 2015.

Il Tribunale di Milano ha riconosciuto che la produzione e la distribuzione di cuscini riproducenti le forme dei biscotti Barilla, commercializzati con nomi che richiamano palesemente i marchi di Barilla (“Pandistelloso”, “Abbraccioso”, “Rigoloso”, “Goggiolosa”, “Ringoloso”) costituisce contraffazione dei marchi denominativi e figurativi di Barilla, nonché atto di concorrenza sleale ex art. 2598 n. 2 e 3 c.c. ai danni della stessa.

Il Tribunale, sulla base dei presupposti enucleati dalla Corte di Giustizia (C-375/97, General Motors), ha riconosciuto la notorietà dei marchi Barilla. Infatti, considerata la quota di mercato detenuta dai marchi, l’intensità, l’estensione geografica e la durata dell’uso, può concludersi che tali marchi siano dotati di rinomanza perché conosciuti da una parte rilevante del pubblico di riferimento.

Proprio sulla base della notorietà acquisita dai marchi della Barilla, il Tribunale ha ritenuto irrilevante, ad escludere la contraffazione, il fatto che i prodotti del concorrente appartenessero ad una categoria merceologica diversa. Infatti, i marchi rinomati godono di una tutela che non è confinata nei limiti del rischio di confusione sull’origine del prodotto e che, quindi, opera anche in assenza di affinità tra i prodotti, per il solo fatto che si configurino ipotesi di agganciamento, che consentano al concorrente di trarre indebitamente vantaggio dalla rinomanza dei marchi di Barilla. E così è stato; la realizzazione e la commercializzazione dei cuscini-biscotto, che riproducevano le caratteristiche dei famosi prodotti del Mulino Bianco, ha permesso al concorrente di agganciarsi ai marchi di Barilla, traendo indebitamente vantaggio dalla loro notorietà ed ingenerando sul mercato un rischio di confusione sulla provenienza dei cuscini prodotti dal contraffattore. Il Tribunale ha altresì rilevato come il concorrente non si sia limitato a copiare un singolo prodotto della linea di Barilla, ma ha imitato “l’intera collezione del Mulino Bianco”, attribuendo ai propri prodotti i pregi di quelli di Barilla, e rendendolo così responsabile anche di atti di concorrenza sleale parassitaria, per appropriazione di pregi e per denigrazione ex 2598 n. 2 e 3 c.c..

La decisione delle Sezioni Specializzate del Tribunale di Milano ha inibito la produzione, la commercializzazione e la pubblicizzazione dei cuscini-biscotto riproducenti le forme dei biscotti Mulino Bianco e recanti i marchi della Barilla, ordinando al contraffattore il definitivo ritiro dal commercio. La società produttrice dei cuscini è stata altresì condannata a corrispondere a Barilla un risarcimento del danno pari a 150.000 Euro, oltre che a rifondere le spese legali relative al giudizio di merito e ai procedimenti cautelari.

Si tenga presente che non sono ancora scaduti i termini per l’appello e la decisione di primo grado potrebbe essere modificata all’esito del giudizio di secondo grado.

simona.franco@milalegal.com