Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

Quote Europee – AGCOM avvia la consultazione pubblica
Venerdì, 25 Maggio 2018 07:44

Quote Europee – AGCOM avvia la consultazione pubblica

di Mariangela Liuzzi

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), in attuazione delle previsioni del decreto legislativo 7 dicembre 2017 n. 204 recante la riforma delle disposizioni legislative in materia di promozione delle opere europee e italiane da parte dei fornitori di servizi media audiovisivi” (c.d. “Legge Franceschini”), con Delibera 184/18/CONS pubblica il 9 maggio 2018 ha sottoposto a consultazione pubblica uno schema di regolamento, in materia, quale normativa secondaria di dettaglio, invitando i soggetti interessati (dagli operatori del settore, compresi i fornitori di servizi di media audiovisivi e i produttori, anche in forma associativa, ai soggetti istituzionali a far pervenire le proprie osservazioni in merito, entro il termine di 30 giorni dalla data di pubblicazione online di tale provvedimento. 

Lo schema, contenuto nell’allegato A alla delibera, introduce innanzitutto un precisazione sui criteri richiesti dal decreto per la definizione di produttore indipendente, –e ricomprende esplicitamente nella nozione di “attività di produzione televisiva” le attività di realizzazione dell’edizione italiana delle opere, che rappresentano un importante voce dell’industria audiovisiva italiana. 

Lo schema di Regolamento rispetto alla Legge Franceschini contiene le seguenti ulteriori precisazione e novità in materia di obblighi di programazione:

  1. in relazione agli obblighi relativa alla fascia c.d. di prime-time, si specifica che si considererà inclusa in tale fascia oraria anche l’opera o la porzione di opera il cui inizio e la cui fine ricada nella suddetta fascia oraria.;

  2. in relazione agli obblighi di programmazione di opere cinematografiche di espressione un’eccesione per i servizi media audiovisivi lineari che abbiano trasmesso nel corso dell’ultimo anno meno di 52 opere cinematografiche (titoli unici) sebbene dubbi sorgano in merito alle ragioni poste alla base del limite massimo di opere proiettabili in un anno indicato dall’Autorità - pari a 104 - come secondo requisito per accedere a tale deroga. Anche su questo punto si auspica un intervento chiarificatore nel corso della consultazione.

  3. Un generale favor per le start up ossia i canali con meno di sei mesi di programmazione, in quali saranno esentati dagli obblighi di programmazione;

Lo schema di Regolamento ha poi introdotto criteri nuovi e concreti per la defizione di “introiti annui netti” specie per i soggetti che effettuino offerte a pagamento

Anche per i fornitori di servizi di media audiovisivi a richiesta, lo schema di regolamento ha precisato le basi di calcolo per le quote di programmazione e investimento, inserendo in un separato allegato B, sempre oggetto di consultazione, le ulteriori specifiche tecniche atte a implementare la valorizzazione delle opere europee all’interno dei cataloghi dei servizi a richiesta. 

Infine, accanto alla deisciplina delle richiesta di deroga, lo schema di Regolameno ha introdotto un saparato procedimento, disciplinato all’art. 11, volto a consentire agli operatori eventuali recuperi delle oscillazioni in difetto relativo agli obblighi di investimento. 

Questi i punti principali dello schema di regolamento, in merito al quale i soggetti interessati alla consultazione pubblica dovranno far pervenire i propri contributi all’Autorità entro 30 giorni dalla pubblicazione della stessa delibera sul sito di AGCOM avvenuta lo scorso 9 maggio, al fine di giungere ad un testo il più possibile aderente alle sentite esigenze di armonizzazione e semplificazione dell’attuale panorama normativo che disciplina il settore delle c.d. quote europee, regolamento destinato ad entrare in vigore a partire dal 1 gennaio 2019.

mariangela.liuzzi@milalegal.com