Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

Comunità religiose e trattamento dei dati personali: anche i Testimoni di Geova devono adeguarsi al GDPR
Giovedì, 12 Luglio 2018 13:38

Comunità religiose e trattamento dei dati personali: anche i Testimoni di Geova devono adeguarsi al GDPR

di Giacomo Lusardi

In questi ultimi mesi si è parlato molto di GDPR (il Reg. UE 679/2016), tanto che tutti sappiamo, volenti o nolenti, che lo stesso si applica “al trattamento interamente o parzialmente automatizzato di dati personali e al trattamento non automatizzato di dati personali contenuti in un archivio o destinati a figurarvi” (art. 2), con l’esclusione, tra gli altri, dei trattamenti di dati effettuati da una persona fisica per l’esercizio di attività a carattere esclusivamente personale e domestico. Ma quando si può parlare di “archivio”? E che cosa significa esattamente che un’attività ha carattere “personale e domestico”? Con un’interessante sentenza pubblicata il 10 luglio 2018, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha fornito la sua interpretazione di tali concetti rispetto al trattamento dei dati personali effettuato dai testimoni di Geova che fanno proselitismo porta a porta. La questione sulla quale la Corte di Giustizia è stata chiamata a pronunciarsi su rinvio della Corte Amministrativa Suprema Finlandese risale al 2013 ed è pertanto ancora soggetta all’applicazione della direttiva 95/46/CE (la c.d. direttiva “madre”, oggi abrogata dal GDPR), tuttavia i principi di diritto stabiliti dalla sentenza della Corte di Giustizia sono mutuabili all’ambito GDPR. La Corte ha anzitutto ritenuto che la raccolta da parte dei testimoni di Geova di stralci delle conversazioni con le persone contattate, del nome e indirizzo, in maniera strutturata e con lo scopo di poter facilmente reperire tali dati per le visite successive, costituisca “archivio” inteso come “insieme strutturato di informazioni” (secondo la definizione dell’art. 2, lett. c), dir. madre). Riguardo poi alle eccezioni previste dalla dir. madre, la Corte ha escluso sia l’applicazione dell’eccezione relativa al carattere esclusivamente “personale e domestico” del trattamento, che quella inerente i trattamenti di tipo “statale”. Quanto alla prima, la Corte ha motivato l’esclusione argomentando che il trattamento in questione comporta una diffusione dei dati nell’ambito della comunità religiosa, anche al fine di gestire le richieste di eventuali soggetti che non vogliono più essere contattati. Il fatto che il trattamento avvenga nell’ambito della libertà di religione degli individui non implica in automatico il perseguimento di scopi personali. Quanto al carattere statale del trattamento, la Corte ha escluso la relativa eccezione ritenendo il trattamento in questione legato all’iniziativa religiosa dei singoli e non connesso ad attività statali. La Corte ha quindi concluso che la raccolta e il trattamento di dati personali da parte dei membri di comunità religiose che svolgono attività di predicazione porta a porta rientrano nell’ambito di applicazione della normativa europea sulla protezione dei dati personali, pertanto la comunità religiosa e i suoi membri predicatori devono essere considerati “titolari del trattamento”, con tutte le conseguenze previste dalla legge. Anche i testimoni di Geova e le altre comunità religiose che fanno proselitismo porta a porta devono dunque adeguarsi al GDPR.

giacomo.lusardi@milalegal.com