Questo sito utilizza i cookie. I cookie ci aiutano a garantirti un’esperienza di navigazione migliore. Questo sito utilizza, altresì, cookie di terze parti a fini di analisi

Per informazioni o per sapere come autorizzare, limitare o bloccare i cookie clicca sul link qui di seguito. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa

1. Informativa Cookies

In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito con riferimento all’utilizzo dei cookie e al relativo trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano.

Vai alla sezione Privacy per conoscere le politiche di sicurezza del nostro sito, il Titolare, l’elenco dei Responsabili dei trattamenti, le modalità del trattamento e i diritti agli interessati (ai sensi dell’art. 7 del D.Lgs. n. 196/2003).

Al fine di offrire sempre la miglior navigazione possibile, il nostro sito utilizza i cookie proprietari e di “terze parti”.

Un cookie è un file di testo che viene memorizzato sul tuo terminale (desktop, tablet, smartphone, notebook), tramite il tuo browser, durante la navigazione.

Attraverso questi cookie il sito potrà ricordarsi di te e delle tue preferenze ogni volta che accederai allo stesso.

I cookie che utilizziamo sono suddivisi nelle seguenti categorie:

Categoria 1: Cookie Tecnici “Strettamente necessari”

I cookie tecnici permettono un agevole utilizzo del sito. In particolare, utilizziamo cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale fruizione del sito, ricordando, ad esempio, la preferenza linguistica durante la navigazione.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3. Se tuttavia, imposterai il tuo browser in modo da rifiutare tali cookie, alcuni servizi del sito potrebbero non essere visualizzati correttamente.

 

Categoria 2: Cookie Analytics “di terze parti”

Nel nostro sito utilizziamo cookie analytics “persistenti” di terze parti (google analytics) al fine di raccogliere, in modo anonimo, informazioni sull’utilizzo del sito. Tali cookie, funzionalmente assimilabili ai cookie tecnici, sono trattati in forma aggregata a fine di monitorare le aree del sito maggiormente visitate, il numero degli accessi ed, in generale, per ottenere statistiche anonime circa l’utilizzo del sito.

Puoi in ogni momento autorizzare, limitare o bloccare i cookie attraverso le impostazioni del tuo browser secondo le modalità spiegate al punto 3.

Link all’informativa privacy e cookie per i cookie di google analytics:

-       Google (http://www.google.com/policies/privacy/)

2. Espressione del consenso

I cookie verranno utilizzati esclusivamente previo consenso dell’interessato. Per l’espressione del consenso è sufficiente continuare la navigazione del sito mediante, ad esempio, un click su un’altra sezione del medesimo portale.

3. I cookie e le impostazioni del tuo browser:

Qui di seguito, in ottemperanza al provvedimento del Garante della Privacy del 08.05.14, i link alle impostazioni dei singoli browser per poter autorizzare, limitare e disabilitare i cookie:

- Chrome

- Firefox

- Internet Explorer

- Opera

- Safari

Se c'é un modo di fare meglio, trovalo.

(Thomas Edison)

I “Gancini” Ferragamo tornano in Cassazione
Mercoledì, 12 Dicembre 2018 11:30

I “Gancini” Ferragamo tornano in Cassazione

di Simona Franco

Lo scorso ottobre la Corte di Cassazione ha accolto il ricorso presentato da Salvatore Ferragamo Italia S.p.a. (di seguito, “Ferragamo”) contro la sentenza della Corte d’Appello di Milano che, riformando la precedente decisione del Tribunale, aveva ritenuto insussistente la contraffazione dei “Gancini” di Ferragamo (la cui forma ricorda la stilizzazione della lettera «Ω» ) ad opera del gancio utilizzato nelle borse realizzate da Ripani Italiana Pelletterie S.r.l. (di seguito “Ripani”) per collegare la tracolla alla borsa stessa. La Corte d’Appello aveva escluso la contraffazione sulla base del fatto che pur risultando evidente una qualche somiglianza con i marchi di Ferragamo, questa consisteva in una «lontana somiglianza» che non faceva sorgere il rischio di confusione per il pubblico. In particolare, la Corte aveva ritenuto che nei prodotti contestati il gancio a forma di Omega utilizzato nelle borse di Ripani svolgeva una funzione strumentale e non distintiva, mentre il marchio tridimensionale di Ferragamo, oltre a riprodurre in modo più armonioso l’Omega, aveva una funzione identificativa e distintiva dei prodotti da essa contraddistinti.

La Corte di Cassazione ha ritenuto che i giudici di merito abbiano erroneamente escluso la sussistenza del rischio di confusione tra i segni sulla base della funzione strumentale/decorativa svolta dal gancio a forma di Omega utilizzato nelle borse di Ripani. Secondo la Cassazione i giudici dell’appello hanno omesso di considerare che nel caso di specie l’elevata somiglianza tra il gancio di Ripani e i Gancini Ferragamo rischia di indurre il consumatore a ritenere che i prodotti provengano dalla stessa impresa o da società tra loro collegate. Per i giudici della Suprema Corte la percezione da parte del pubblico di un segno come ornamento non può costituire un ostacolo all’accertamento del rischio di confondibilità in presenza, come nel caso di specie, di un segno che presenta un elevato grado di somiglianza con il marchio registrato. 

La conclusione della Corte di Cassazione trova positivo riscontro nell’art. 20 c.p.i. che specifica che gli usi che il titolare del marchio ha il diritto di vietare sono quelli effettuati “nell’attività economica”. Ciò significa che l’uso di un marchio identico o simile a quello del titolare del marchio è illecito se effettuato nell’attività di vendita o fornitura dei prodotti, a prescindere dal fatto che l’uso del marchio sia fatto in funzione distintiva o funzionale/ornamentale. Ciò che rileva ai fini della sussistenza della contraffazione è che il contraffattore faccia uso nell’attività economica di un segno identico o simile al marchio tutelato, ancorché in funzione non distintiva, purché sia idoneo a richiamare il messaggio comunicato dal marchio imitato.

La Corte di Cassazione ha accolto il ricorso di Ferragamo anche in merito alla omessa pronuncia della Corte d’Appello sulla rinomanza dei “Gancini” e sulla conseguente omessa pronuncia in merito alla sussistenza di un pregiudizio alla distintività o alla notorietà del marchio Ferragamo o di un indebito vantaggio tratto da Ripani dall’uso di un marchio identico o simile al marchio tridimensionale di Ferragamo. 

La causa è stata quindi rinviata alla corte territoriale che dovrà procedere al riesame della controversia alla luce dei principi enucleati dalla Suprema Corte. Con questa sentenza viene affermata ancora una volta la centralità della funzione evocativa-suggestiva del marchio e il fatto che l’ambito di tutela riconosciuto al titolare del marchio è volto a garantire che il proprio segno possa adempiere anche alla funzione di comunicare uno specifico messaggio al pubblico di riferimento.

simona.franco@milalegal.com